Il mar Cantabrico (in spagnolo Mar Cantábrico, in francese Mer Cantabrique, in basco Kantauri, in gallego Mar Cantábrico, in asturiano Mar Cantábricu) è un mare litorale dell’Oceano Atlantico che bagna la costa nord della Spagna e la costa sud-ovest della Francia, estendendosi dalla costa galiziana fino alla foce dell’Adour alle coste francesi.

 

cantabrico

Nella sua parte più orientale, lungo le coste basche prende il nome di Golfo di Biscaglia (o di Guascogna).
Essendo un mare di passaggio tra i freddi mari del Nord e quelli temperati tropicali, è un mare ricco di specie vegetali e animali. Questo ha dato origine ad un’industria conserviera molto importante che ha tra i suoi prodotti di punta il tonno e le acciughe, trasformate soprattutto in Cantabria.

acciughe-cantabrico
I forti venti del Nord-ovest che soffiano sul mar Cantabrico provengono dalle zone di bassa pressione localizzate tra l’arcipelago britannico e il mar del Nord combinate con l’effetto dell’Anticiclone delle Azzorre, che danno vita ad onde di circa 3 metri d’altezza.

In certi casi, soprattutto tra aprile e maggio e tra settembre e ottobre, i venti dell’Ovest possono originare onde che superano i 9 metri.

cantabrico
Il mare deve il suo nome ai Romani, che nel I secolo a.C. lo chiamarono Cantabricus Oceanus anche se in altre fonti è indicato come Britannicus Oceanus o Gallicus Oceanus.

X